Gourmet food festival 2017

Si è concluso ieri a Torino il Gourmet food festival 2017. E' già alla terza edizione, ma solo quest'anno si è deciso di aprire le porte anche al pubblico, non solo più agli esperti del settore.

L'evento si è svolto al Lingotto, grazie alla collaborazione tra GL events Italia e Gambero Rosso

L'aspetto era quello di una grande piazza dove si sono ritrovati, tutti insieme, alcuni dei più grandi artigiani del gusto. Una parte dello spazio è stata dedicata agli espositori, mentre una zona denominata agorà (piazza in greco n.d.r.) era preposta ad accogliere eventi, degustazioni, dibattiti e workshop con chef ed esperti del Gambero Rosso. Ho potuto assistere ad alcune interessanti lezioni tenute da chef appassionati, ho assaggiato proposte nuove e stuzzicanti, appaganti delizie della tradizione, ho conosciuto produttori entusiasti del loro lavoro e dei loro prodotti.

Incontri tra gourmands

Questo festival è stato anche un'occasione per rivedere un caro amico, Fabrizio Salce che, in qualità di giornalista, con la professionalità e la verve che lo caratterizzano, ha presentato due eventi legati alla promozione dell'eccellenza dei prodotti siciliani, di cui avrò modo di parlarvi ancora, con maggiori dettagli. Ho deciso infatti di portarvi virtualmente con me in questa fiera, fornendovi un resoconto di quelli che a mio parere sono stati gli eventi e i produttori più interessanti. Dal momento che in alcuni casi determinati eventi avevano orari coincidenti, ho dovuto fare delle scelte e necessariamente preferirne alcuni, pertanto dovrete sottostare alla parzialità inevitabile del mio giudizio, tuttavia ritengo comunque di potervi dare un'immagine abbastanza esauriente della manifestazione. Il tempo dunque di riordinare i miei appunti e questo breve viaggio nel gusto avrà inizio.

Un piccolo assaggio

Per invogliarvi a leggere i prossimi articoli dedicati ad alcuni dei personaggi che sono apparsi in questa tre giorni del gusto vi inizio a fare qualche nome, come quello di Iginio Massari, il pasticcere che sta ottenendo più seguito di una rock star, oppure del re della pizza Simone Padoan, o ancora di Matteo Baronetto, chef al del Cambio,  uno dei ristoranti storici di Torino. Questo è davvero solo un piccolissimo assaggio, dunque preparatevi, perchè ne leggerete delle belle, ma soprattutto... buone!

Scrivi commento

Commenti: 0