Liquore alla genziana

 

Si avvicina la stagione fredda e allora... è tempo di liquorini! Oggi ho finito d'imbottigliare queste due versioni di liquore alla genziana, un preparato tipico della tradizione di montagna, ottimo come digestivo. Sì, lo so che vivo al mare...

 

Ingredienti

Versione con vino rosso:                                                                                                 Versione con vino bianco:

-500ml di vino rosso fermo                                                                                             -20g di radice di genziana

-30g di radice di genziana                                                                                               -1l di vino bianco secco

-500ml di acqua                                                                                                                   -50g di miele

-450g di zucchero semolato                                                                                              -1dl di alcool a 95°

-375ml di alcool puro

-1/2 boccetta di estratto di marzapane (circa 10cc)

Preparazione

Versione con vino rosso:

Mettere la radice a bagno nel vino per venti giorni. Far bollire l'acqua per tre minuti, quindi sciogliervi lo zucchero. Mescolare l'acqua zuccherata, una volta fredda, con l'alcool, l'estratto di marzapane e l'infuso filtrato.ottenuto dalla macerazione della radice nel vino. Imbottigliare. Il liquore ottenuto sarà pronto dopo almeno tre giorni.

Versione con vino bianco:

Fate macerare la radice nel vino e alcool in un vaso a chiusura ermetica per dieci giorni, ricordandovi di rimestare il contenitore due volte al giorno. Trascorso il tempo della macerazione filtrate, aggiungete il miele e imbottigliate. Il vostro liquore sarà pronto dopo almeno un mese.

Un consiglio

Il liquore di genziana, se assunto nella misura di un bicchierino prima o dopo i pasti, è un ottimo stimolante per lo stomaco oltre che digestivo, aiuta inoltre a regolare la milza ed il fegato. E' tuttavia sconsigliato l'uso in gravidanza.

Scrivi commento

Commenti: 0