All'anima degli spaghetti con le arselle!

Ieri sera ho cucinato un classico della cucina mediterranea, sarda in particolare, leggermente rivisitato o meglio arricchito a mio personalissimo gusto. Solo ingredienti di ottima qualità e cura dei dettagli. Provate la mia versione e ditemi che ne pensate! ;-)

Ingredienti

Dosi per tre persone affamate:

-300g di spaghetti di grano duro Senatore Cappelli

-1kg di arselle

-una manciata di Salicornia (alga conosciuta anche col nome di asparagi di mare)

-un ciuffetto di prezzemolo fresco

-uno spicchio d'aglio

-olio EVO q.b.

-almeno una bottiglia di Barley BB7

-qualche cucchiaino di bottarga di muggine (solo per guarnire, solo per i più golosi)

Preparazione

Dopo aver fatto "spurgare" le arselle in abbondante acqua salata, cambiata assai spesso, per almeno un giorno dall'acquisto delle stesse, ponetele in una capiente pentola e mettetele sul fuoco, coperte, per alcuni minuti, fino a quando non si apriranno rilasciando un po' d'acqua sul fondo della pentola.

Nel frattempo, in una padella ponete a soffriggere delicatamente, in una dose generosa d'olio EVO, un trito di aglio e prezzemolo, avendo cura di spegnere il fuoco prima che l'aglio possa imbiondirsi eccessivamente.

Scolate la salicornia (dopo averla ben lavata e mondata delle parti centrali più legnose), che avrete messo a sbollentare per 4/5 minuti in acqua non salata, quindi tagliatela abbastanza finemente con un coltello per le verdure.

Fate cuocere la pasta in abbondante acqua salata.

Una volta pronte le arselle, con una schiumarola trasferitele nella padella, riaccendete il fuoco, mescolatele con la salicornia, fate sfumare con una spruzzata di Barley BB7. Una volta pronta la pasta fatela saltare brevemente nella padella e impiattate. Servite subito!

Se lo gradite, aggiungete una spolverata di bottarga di muggine.

Un consiglio

 

 

 

Brindate con la Barley BB7 già usata in cottura, ben si sposerà ai sapori sapidi di questo piatto che racchiude in sè una delle essenze della cucina del Mediterraneo.

Scrivi commento

Commenti: 0