un omaggio al Papà del Gnocco

Quale periodo migliore del carnevale per gustare un classico italiano come gli gnocchi alla bava? In onore della storica maschera veronese detta Papà del gnocco stasera la nostra cena ha visto protagonista un piatto antico e assai gustoso: gli gnocchi alla bava.

ingredienti

Dosi per 4-5 persone:

1kg di patate

250g di farina semintegrale

1 uovo

un cucchiaio d'olio EVO

un pizzico di sale

100g di burro

100g di toma fresca cremosa di capra

40g di formaggio erborinato

preparazione

Fate cuocere le patate con la buccia in abbondante acqua salata per circa trenta minuti, o comunque fino a quando, pungendole con una forchetta, non risultino morbide. Pelatele e passatele al passaverdura o nello schiacciapatate. Disponete le patate schiacciate sul tavolo a formare una sorta di vulcano, nel cuiisponete tutto attorno alle falde del vostro vulcano la farina ed iniziate ad impastare il tutto. Formate una palla omogenea e lasciatela riposare qualche minuto su un velo di farina.

Infarinate il tavolo da lavoro e tagliate piccole porzioni di pasta che, a mano a mano, lavorerete con le mani creando dei rotolini dello spessore di un centimetro, che andrete a tagliare in tanti pezzetti di circa un cenitimetro e mezzo. I tocchetti ottenuti potete decidere di segnarli delicatamente col dito al centro in modo da formare una piccola cavità che permetterà allo gnocco di assorbire meglio il sugo, oppure, sempre per il medesimo scopo, potrete far scivolare delicatamente ciascun gnocco sui rebbi di una forchetta.

Lasciate gli gnocchi ottenuti a riposare qualche ora sotto ad un canovaccio.

In una padella mettete a sciogliere il burro ed i formaggi, quindi spegnete il fuoco.

Ponete abbondante acqua salata ad ebolizione e cuocete gli gnocchi versandone a poco a poco nell'acqua e scolandoli con una schiumarola non appena emergono in superficie. A  mano a mano che scolate gli gnocchi, versateli nella padella con il sugo e, rimestandoli delicatamente con un cucchiaio di legno, amalgamateli al sugo, accendendo un fuoco bassissimo. Aggiungete un po' d'acqua di cottura degli gnocchi se, necessario. Servite caldissimi.

un consiglio

Per questi gnocchi io ho usato del burro della Normandia, un erborinato compatto della val di Susa ed una toma fresca cremosa di capra, sempre della val di Susa. Potete cambiare i formaggi, ovviamente, ma vi consiglio di scegliere comunque un erborinato non eccessivamente morbido, un burro molto saporito ed un formaggio fresco a pasta morbida con un carattere deciso, preferibilmente caprino.

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Tami Caruso (mercoledì, 01 febbraio 2017 18:03)


    I've read several just right stuff here. Certainly worth bookmarking for revisiting. I wonder how so much attempt you place to create the sort of great informative web site.