stasera a cena mix vegetariano o mezze maniche al tonno?

Questa sera c'era aria di trasgressione in casa... Mentre io mi sono limitata ad aggiungere una selezione di formaggi semi stagionati di capra e misto capra-pecora ad un mix fusion vegan, mio marito ha preteso una pasta al tonno e la biondina... beh... lei ha assaggiato un po' di tutto (anche se il 98% della sua cena era vegetariano)!

Che cosa scegliereste voi? Eccovi la ricetta di entrambi i piatti per aiutarvi nella scelta.

ingredienti

Per il mix vegetariano:                                                                           Per le mezze maniche al tonno:

-1 bicchiere colmo di riso basmati                                                       - 250 g di pasta tipo mezze maniche

-2 bicchieri d'acqua                                                                                 - 150g di tonno

- un pizzico di curcuma                                                                           - 3/4 cipolloti freschi

- un pizzico di cannella                                                                           - 1 spicchio d'aglio

- un filo d'olio EVO                                                                                  - 1 cm circa di radice fresca di zenzero

- 3/4 rape rosse cotte a vapore                                                               - un'ombra di Nuraghe di Cagliari

- 2 spicchi d'aglio                                                                                     - olio EVO (siate generosi!)

- il succo di un limone                                                                              - sale q.b.  

- 10 cavolini di Bruxelles                                                                         - una manciata di pomodorini datterino

- salsa di soia q.b.                                                                                   

- pecorino semistagionato di Barbagia                                                    - un pizzico di prezzemolo

- semistagionato sardo misto pecora-capra

- un filo di miele

preparazione

Per prima cosa mettete in una padella l'olio EVO, i cipollotti tritati i pomodorini schiacciati, lo zenzero e l'aglio schiacciati con l'apposito attrezzo schiaccia aglio, fate saltare brevemente, quindi aggiungete il vino e mentre inizia a sfumare versate il tonno. Alzate la fiamma per pochi istanti, quindi coprite la padella con un coperchio e spegnete il fuoco.


Intanto in una pentola mettete a bollire abbondante acqua per la pasta.


Mentre aspettate che l'acqua inizi a bollire, pulite e tritate grossolanamente col coltello i cavolini di Bruxelles e metteteli in una padella con dell'olio EVO, dell'aglio schiacciato con l'attrezzo di cui sopra, una lacrima di salsa di soia e dopo aver fatto saltare il tutto, coprite con un coperchio e fate proseguire la cottura a fuoco molto lento.


In un'altra pentola mettete un filo di olio EVO, la cannella e la curcuma, fate scaldare leggermente, quindi versate il riso avendo cura di mescolarlo in modo che s'amalgami bene alla colorata salsina e si tosti anche un po', quindi aggiungete l'acqua e coprite lasciando cuocere a fuoco lento per il tempo previsto per il riso (solitamente dai 9 agli 11 minuti).


Quando l'acqua dell'altra pentola inizia a bollire salatela e versate le mezze maniche, quindi lasciatele cuocere (senza coperchio!!!) per il tempo previsto (solitamente intorno ai 13/14 minuti).


Mentre aspettate che cuociano riso e pasta pulite e tagliate le rape e conditele con il succo del limone, il sale e uno spicchio d'aglio (sempre schiacciandolo con l'apposito attrezzo).


Tagliate qualche fettina di formaggio (che vi sarete ricordati di lasciare a temperatura ambiente a "sudare" un po') e copritelo con un filo di miele (io ho scelto quello sardo del tipo "macchia mediterranea", molto chiaro, dolce e fruttato).


Una volta cotta la pasta scolatela lasciando un pochino d'acqua di cottura e fatela saltare nella padella in cui avevate lasciato il sugo, aggiungendo ancora un filo d'olio.


Impiattate e abbinate entrambi i piatti ad un bicchiere (o più) di Nuraghe di Cagliari servito freddo.

un consiglio

Non salate il riso basmati. Anche se di per sè è già dolce, lasciatelo completamente senza sale, sarà perfetto abbinato ai cavolini resi molto saporiti dal sapore deciso della salsa di soia.