un pescetto per il gatto

Questa sera non metterò foto di nuovi piatti, ma solo un'idea per un mio amico che deve inaugurare la sua nuova padella. Come ho scritto già sulla mia pagina fb di Fata Saggina, sono tornata a mangiare vegan, ma questo non siglifica che se un amico "onnivoro" o "diversamente vegano" (un po' d'ironia concedetemela, ogni tanto!) vuole un consiglio per una ricetta di pesce io non possa preparargliene una "su misura"!

Dunque caro Nando (o come chiamavan tutti Gatto), ecco il mio consiglio per inaugurare la tua padella.

ingredienti

1 filetto di sogliola

1 spicchio d'aglio

burro q.b. (non esagerare visto che la padella è antiaderente, ma non essere nemmeno troppo tirchio!)

salvia (meglio se fresca) q.b.

timo (cerca del serpillo o timo montano, è molto più profumato) q.b.

pangrattato (una manciatina basterà)

sale (poco!)

vino bianco secco (niente bollicine, mi raccomando!)

preparazione

Per prima cosa, essendo nuova la padella, procedi col lavare la medesima, cospargerla d'olio, farla riscaldare un po', quindi una volta raffreddata puliscila delicatamente con un panno morbido.

Ora che la tua padella è pronta fai sciogliere a fuoco lento una noce di burro, quindi aggiungi l'aglio. Se hai paura di bruciarlo o di mangiarlo accidentalmente intero una volta cotto, procurati uno spremi aglio e schiaccia lo spicchio direttamente in pentola (se non vuoi metterci mezz'ora a togliere i resti dallo schiaccia aglio ricordati di non pulire della cuticola lo spicchio).

Se hai dubbi su che cosa sia uno schiaccia aglio guarda la foto qui sotto.

Ora procedi adagiando delicatamente il filetto di sogliola in padella. Cospargilo con la salvia e il timo spezzettati, quindi sfuma il tutto col vino, rigirando il pesce in modo che assorba bene il condimento.

A questo punto, se vuoi, cospargi il pesce con del pangrattato e fai finire la cottura, aggiustando di sale.

Servi il pesce con dell'insalata (evita la rucola e il radicchio per non avere un contrasto troppo marcato) o con delle carote cotte al vapore.

consiglio

Abbina un vino bianco secco importante, con una gradazione alcolica decisa. Evita ancora una volta le bollicine.

Scrivi commento

Commenti: 0