Vegan = insipido?

Ultimamente molte persone si avvicinano alla cucina vegan, chi per questioni di salute, chi per etica personale, chi per curiosità. Ho pensato dunque di proporre un pranzetto sfizioso e molto gustoso 100% vegan, per sfatare un po' il mito insopportabile secondo cui vegan = insipido o insapore.

ingredienti

per la cicoria: 
- un mazzetto di cicoria fresca (per la quantità ricordatevi che il volume si riduce molto cuocendola)
- un cucchiaio abbondante di uvetta (non serve metterla in ammollo nell'acqua, per questa ricetta)
- un cucchiaino abbondante di pinoli
- uno spicchio d'aglio
- olio extravergine d'oliva
- salsa di soia

per il tofu:
- 250 g di tofu al naturale (non quello troppo morbido)
- un cucchiaio abbondante di anacardi
- un cucchiaino abbondante di nocciole tritate
- curry (scegliete quello che preferite, io in questo caso ne ho usato una varietà dolce)
- olio di mais

per il riso:
- olio extravergine di oliva (o altro a vostro piacimento)

- un bicchiere colmo di riso basmathi
- un'idea di assafoetida (ne basta veramente pochissima!)
- semi di sesamo

per le lenticchie:
- un bicchiere da vino colmo di lenticchie
- una o due carote
- un pezzetto di alga combu
- sale
- olio extravergine d'oliva
- una cipolla dolce

per il cavolfiore:
- mezzo cavolfiore
- olio extravergine d'oliva
- acidulato d'umeboshi
- un pizzico di santoreggia o di prezzemolo essiccato

preparazione

per la cicoria:
seguite le indicazioni che ho dato sul post "dolce amaro che passione!"

per il tofu:
mettete un filo d'olio in una padella, accendete il fuoco e versate il tofu che avrete precedentemente tagliato a listarelle non troppo sottili. Rigirate facendo attenzione che non attacchi e unite la polvere di curry, le nocciole e gli anacardi. Quando vedete che il tofu assume un bel colore dorato togliete dal fuoco e impiattate.

per il riso:
mettete un filo d'olio in una pentola con un buon fondo in acciaio. Versate il sesamo e l'assafoetida e rigirate. Unite il riso facendolo tostare brevemente col resto, quindi versate il doppio della quantità di riso di acqua. Lasciate cuocere a fuoco lento e col coperchio per il tempo previsto (normalmente 9-11 minuti). A fine cottura togliete il riso dalla pentola, sennò ricordatevi che continuerà a cuocere!

per le lenticchie:
fate bollire in abbondante acqua non salata le lenticchie insieme all'alga per 45 minuti. Versate un filo d'olio in una pentola, aggiungete la cipolla tritata, la carota a pezzettini, salate e fate cuocere il tutto qualche minuto col coperchio. Aggiungete le lenticchie, l'alga e un po' d'acqua di cottura dei legumi.
Continuate a cuocere consumando l'acqua.

per il cavolfiore:
fate bollire il cavolfiore o, meglio ancora, cuocetelo a vapore per qualche minuto (non esagerate la cottura o vi si disferà nel piatto). Una volta cotto, lasciatelo raffreddare e conditelo con olio, acidulato di umeboshi (se non l'avete potete usare l'aceto e il sale, ma vi consiglio di procurarvene un po' e di provarlo, soprattutto se avete problemi di acidità) e un pizzico di santoreggia.

A titolo puramente informativo, vi assicuro che la mia bimba di quattro anni ha fatto il tris di tutto, l'altro giorno a pranzo... Non vi resta che assaggiare!

Scrivi commento

Commenti: 0